Il fornaretto di Venezia

Regia: John Bard (Duilio Coletti)

Il film fu revisionato e approvato per la prima volta nel 1939. Bloccato dal P.W.B., viene nuovamente sottoposto a revisione nel 1946, quando viene riammesso a circolare in Italia, limitatamente all'area centro-meridionale, ad esclusione delle città di Roma, Napoli e Firenze e a condizione che sia eliminato dai titoli di testa e dai materiali pubblicitari del film il nome di Osvaldo Valenti (1946). Tuttavia tali condizioni non compaiono nella copia del visto di censura agli atti, datata 1949.

Politica