Scadenza trenta giorni

Regia: Luigi Giacosi

Si tratta di un film prodotto a Torino durante l'occupazione nazi-fascista. Tuttavia, poiché "é estraneo qualsiasi riferimento alla particolare situazione politica del momento nel quale é stato realizzato", la Commissione di revisione cinematografica ritiene che possa essere concesso il nulla osta per la programmazione del film nelle sale cinematografiche.

Politica