Non ci credo

Regia: Michelangelo Antonioni

Antonioni presenta, in questo suo breve racconto dal titolo iniziale “Superstizione”, vari aspetti delle credenze popolari. Il Presidente della II Commissione di revisione cinematografica, dopo averlo definito “mediocre”, lo vieta alla programmazione. Il cortometraggio vedrà la luce solo nel 1950, col nuovo titolo.

Religione