Sexy nudo

Regia: Roberto Bianchi Montero

La Commissione di revisione cinematografica esprime parere contrario alla proiezione del film in pubblico «per numerose sequenze contenenti nudi provocanti e contrarie al buon costume» (7 agosto 1963). Pochi giorni dopo viene presentata in revisione una nuova edizione del film, che ottiene il nulla osta di pubblica proiezione, a condizione che ne sia vietata la visione ai minori di 18 anni (12 agosto 1963). Tuttavia, successivamente, la Procura della Repubblica di Roma dispone il sequestro di tutte le copie del film. In seguito alla sentenza del Tribunale Penale di Bologna, viene disposto il dissequestro del film (1964).

Sesso