Verso la luce (Barricade)

Regia: Peter Godfrey

La Commissione di revisione cinematografica esprime parere contrario alla programmazione in pubblico della prima edizione del film, presentata in censura con il titolo Schiavi della paura, «in quanto in esso sono riprodotte scene truci e di crudeltà». Il giudizio viene confermato anche in appello (1951). La seconda edizione del film ottiene il nulla osta di pubblica proiezione senza limiti di età, né l'imposizione di tagli, con il titolo Verso la luce (1952).

Violenza