La canzone dell’amore

Regia: Gennaro Righelli

La prima edizione del film ottiene il nulla osta nel 1930. Per la seconda edizione del film (1953), la commissione di revisione esprime parere favorevole alla proiezione in pubblico. Si tratta del primo film sonoro di produzione italiana. Significativamente la sua immissione nel mercato precede di pochi giorni la circolare del Ministero dell'Interno (22 ottobre 1930), che proibisce la proiezione di film parlati in lingua straniera, anche se tradotti mediante la sovrimpressione di didascalie in italiano. Si tratta evidentemente di un provvedimento volto a favorire la ripresa della produzione cinematografica nazionale.