Processo a porte chiuse (Das dritte Geschlecht)

Regia: Veit Harlan

La prima edizione del film viene respinta sia in primo grado che in appello, in quanto ritenuta offensiva della morale e del pudore (1959). Anche la seconda edizione, nonostante le modifiche intervenute, viene respinta (1960). La terza edizione del film ottiene parere favorevole alla proiezione in pubblico, con divieto di visione ai minori di 18 anni (1962).

Sesso