La valle del diavolo

Regia: Mario Mattoli

Il film viene sottoposto a revisione e approvato per la prima volta nel 1943. Sottoposto a nuova revisione nel dopoguerra, viene riammesso a circolare a condizione che venga eliminato il nome dell'attore Osvaldo Valenti e che la programmazione sia limitata all'Italia centro-meridionale, ad esclusione delle città di Roma, Firenze e Napoli.

Politica